Vodafone e Wind: firma per la fibra ottica a Milano

A Milano a dicembre arriverà la rete in fibra ottica di Vodafone Italia e di Wind.

Le due compagnie telefoniche hanno firmato in data 12 novembre 2012 l’accordo con il fiber network provider Metroweb; ciascuna svilupperà poi la propria offerta commerciale per  i servizi a banda ultralarga che arriveranno fino alle abitazioni dei clienti (FTTH).

Questo piano di sviluppo partirà dalla città di Milano ma l’obiettivo è quello di estenderlo progressivamente ad altre 30 città italiane, dove la realizzazione dell’infrastruttura è già stata pianificata: Genova, Torino, Brescia, Bergamo, Bologna sono solo alcune.

Grazie a questo accordo e al conseguente ampliamento della diffusione della fibra ottica su larga scala, si aprirà la concorrenza nel settore e i prezzi saranno allineati alle best practice europee.

La fibra ottica permetterà ai clienti di navigare con una velocità di connessione che potrà raggiungere 1Gb al secondo, sia per l’upload che per il download e non avrà più distinzione tra velocità teorica e velocità effettiva né limitazioni.

Un ulteriore vantaggio apportato dalla fibra ottica, rispetto al rame è proprio la qualità del materiale che non è soggetto a interferenze e degradi e ha un tasso di guasto inferiore.

Milano sarà così il primo caso di rete in fibra ottica finalizzato alla massimizzazione dei benefici della sua diffusione: sostenibilità degli investimenti  per  chi  realizza  l’infrastruttura  e  benefici  economici  diretti  e indiretti per il Paese.

Annunci

Vito Gamberale – “Il finanziamento privato delle infrastrutture: verso e oltre i Project Bonds” – 13° Incontro Finanziario per Le Opere Pubbliche

Vito Gamberale, Amministratore Delegato di F2i – Fondi italiani per le infrastrutture, ha partecipato al 13° Incontro Finanziario per Le Opere Pubbliche dal titolo “Il finanziamento privato delle infrastrutture: verso e oltre i Project Bonds” organizzato da Dexia Crediop. In occasione del Convegno, svoltosi a Roma lo scorso 8 novembre 2012, Vito Gamberale ha ripercorso le strategie d’investimento sinora adottate in ambito infrastrutturale in Italia, soffermandosi su alcuni casi specifici ed enfatizzando il bilancio sostanzialmente positivo delle privatizzazioni nel nostro Paese.
Infine, Vito Gamberale ha fatto riferimento al ruolo di F2i in un contesto in cui la carenza di finanza pubblica causa l’impossibilità di realizzare nuove infrastrutture e di gestire in modo efficiente quelle esistenti.

Al Convegno hanno fornito il loro contributo anche:

–       Dario Focarelli, Direttore Generale ANIA
–       Giuseppe Corvino, Consigliere del Fondo Nazionale Pensione Complementare COMETA
–       Mauro Maré, Presidente del Mefop
–       Andrea Ripa Di Meana, Amministratore Delegato di Garanzia italia